I batteristi hanno gusti strani

Questo l’avevo scritto per il numero 40 (del 1999) di Late for the Sky: i collaboratori, a turno, erano ospitati nella rubrica fissa “Il mio primo disco”. Riveduto, ripulito e aggiornato, ve lo ripropongo.
Credo che il senso di questa storia sia che le cose che ci cambiano la vita (un libro, un disco, un film) sono spesso legate a una relazione, a un incontro, a delle persone insomma
. Continua a leggere “I batteristi hanno gusti strani”