L’osceneggiato

Se l'”osceno”, etimologicamente, è quanto resta fuori dalla scena per proteggere lo spettatore dalla sua vista inquietante, cosa c’è di osceno in questa intervista che circola nei social network in questi giorni, condivisa compulsivamente, con la smorfia di raccapriccio di quello che allunga gli occhi verso le lamiere di un’auto accartocciata da poco contro un’altra, inorridito eppure esitante? Cos’è che provoca le reazioni addirittura fisiche di disgusto e repulsione che tutti annunciano nell’esporlo sulla propria bacheca? Continua a leggere “L’osceneggiato”