“Io non sono razzista, ma…”. L’intollerante egodistonico

Rilassatevi: nessuno di noi può ritenersi libero dalla paura e dal pregiudizio.
La prima, nei millenni, ha avuto un ruolo insostituibile nel conservare la pellaccia ai nostri progenitori, e ce l’ha oggi nel salvarla a noi guidandoci nel rapporto con tutto quello che ci è sconosciuto e che ci si presenta per la prima volta. Il secondo è ineliminabile (come si fa a non avere un pre-giudizio, un’aspettativa, anche se un po’ rigida, di quello che non abbiamo mai visto e che stiamo per conoscere?) e tutto sommato ha una sua utilità nell’aiutarci a costruire mappe della realtà per trovare sollievo da un grado eccessivo di disorientamento. Continua a leggere ““Io non sono razzista, ma…”. L’intollerante egodistonico”

Gli ebrei di tutti (27 gennaio)

Il modo che la tarantola ha trovato per ricordare la giornata della memoria sono le parole di un piccolo grande ebreo, Herbert Pagani. Uno di quegli artisti che l’Italia ha avuto senza meritarseli e a cui ha reso la vita (quella artistica, almeno) più difficile possibile.
Scrisse queste parole nell’“Arringa per la mia terra”, composta in occasione Continua a leggere “Gli ebrei di tutti (27 gennaio)”