It’s only rock’n’roll (forse). “High Hopes”: 6) ancora Luca Giudici

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
“High Hopes” e Bruce nell’era della riproducibilità tecnica dell’arte: Luca Giudici, dopo la sua videorecensione dell’altro giorno, torna serio e affronta la questione posta da Maurizio Montanari a proposito della versione di “The Ghost of Tom Joad” partendo da Walter Benjamin e Andy Warhol.
Perché nel frattempo, nel Jimmy Fallon Show del 14 gennaio, Bruce ha commesso un nuovo sacrilegio ai danni di un suo classico, parodiando “Born To Run” per raccontare uno scandalo politico del New Jersey. Continue reading “It’s only rock’n’roll (forse). “High Hopes”: 6) ancora Luca Giudici”

Bruce, Morello e “High Hopes”: 4) come la vede Luca Giudici

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
E insomma, doveva succedere. Alla questione posta da Maurizio Montanari (che strano oggetto è questo “High Hopes”, e soprattutto era necessaria quella tempesta di chitarre distorte su “The Ghost of Tom Joad?), dopo la mia risposta e la replica di Maurizio, aggiunge la sua voce Luca Giudici, amico di bit e da tempo interlocutore su un sacco di cose belle e dal 2012 in particolare sulla musica del Boss.
Ho domandato a Luca cosa dire di lui per presentarlo ai pochi di voi che non lo conoscono. Continue reading “Bruce, Morello e “High Hopes”: 4) come la vede Luca Giudici”

Note su internet, dipendenza, identità molteplice

Certe volte è proprio un peccato che interventi e dibattiti si perdano in quel buco nero che è la memoria di Facebook. Riprendo qui, anche per conservarlo per uso mio, l’intervento “Psicopatologia della rete quotidiana” che Luca Giudici ha pubblicato oggi sul social network, e di seguito il commento con cui ho provato a contribuire alla discussione.
Al dibattito partecipano molte altre voci e vi consiglio di andare a cercarlo, perché non si ferma qui: lo trovate se avete l’amicizia di Luca o la mia, o di altri suoi amici. Diversamente, non so. Continue reading “Note su internet, dipendenza, identità molteplice”