“High Hopes”, reinventare o snaturare? 7) Maurizio Montanari non ci sta

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
Non gli vanno giù gli argomenti di Luca Giudici, così Maurizio Montanari ci torna su. E ci spiega perché, dal suo punto di vista, va bene cambiare pelle alle canzoni ma ci sono dei limiti che non vanno superati.
L’impresa è ardua: qual è il confine che passa fra “reinventare” e “snaturare”? E d’altra parte, se una canzone si snatura, vuol dire che ha una “natura”: qual è precisamente?
Ecco come la vede lui. Continua a leggere ““High Hopes”, reinventare o snaturare? 7) Maurizio Montanari non ci sta”

It’s only rock’n’roll (forse). “High Hopes”: 6) ancora Luca Giudici

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
“High Hopes” e Bruce nell’era della riproducibilità tecnica dell’arte: Luca Giudici, dopo la sua videorecensione dell’altro giorno, torna serio e affronta la questione posta da Maurizio Montanari a proposito della versione di “The Ghost of Tom Joad” partendo da Walter Benjamin e Andy Warhol.
Perché nel frattempo, nel Jimmy Fallon Show del 14 gennaio, Bruce ha commesso un nuovo sacrilegio ai danni di un suo classico, parodiando “Born To Run” per raccontare uno scandalo politico del New Jersey. Continua a leggere “It’s only rock’n’roll (forse). “High Hopes”: 6) ancora Luca Giudici”

Bruce e “High Hopes”, parla un musicista: 5) Caterino “Washboard” Riccardi!

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
Ha detto la sua Maurizio Montanari, poi io, poi di nuovo Maurizio, poi Luca Giudici e ora parla uno che nella vita suona. Da musicista – da musicista legato alla tradizione della musica USA – Caterino parte da come “High Hopes” suona.
Caterino Riccardi è il nome d’arte del chitarrista e suonatore di washboard del gruppo roots veneto The Fireplaces. È l’uomo che è riuscito nell’impresa di salire sul palco di Padova per suonare la sua tavola da bucato insieme a Bruce e alla band in “Pay Me My Money Down” (di quel concerto vi parlai qui; c’è anche il video di quel momento fantastico).
(foto da qui) Continua a leggere “Bruce e “High Hopes”, parla un musicista: 5) Caterino “Washboard” Riccardi!”

Bruce, Morello e “High Hopes”: 4) come la vede Luca Giudici

[Tutte le videorecensioni di High Hopes su Tarantula]
E insomma, doveva succedere. Alla questione posta da Maurizio Montanari (che strano oggetto è questo “High Hopes”, e soprattutto era necessaria quella tempesta di chitarre distorte su “The Ghost of Tom Joad?), dopo la mia risposta e la replica di Maurizio, aggiunge la sua voce Luca Giudici, amico di bit e da tempo interlocutore su un sacco di cose belle e dal 2012 in particolare sulla musica del Boss.
Ho domandato a Luca cosa dire di lui per presentarlo ai pochi di voi che non lo conoscono. Continua a leggere “Bruce, Morello e “High Hopes”: 4) come la vede Luca Giudici”

Non si placa il dibattito su “High Hopes”: 3) la replica di Maurizio Montanari

[Tutte le recensioni di High Hopes su Tarantula]
Dopo la mia risposta al suo intervento, ecco la replica di Maurizio Montanari.
Maurizio torna sulla questione prendendo la storia alla lontana: come fu che negli anni Ottanta ci guardammo tutti nelle palle degli occhi e pensammo che Bruce sarebbe finito sepolto da quei suoni sintetici (e come fu che qualche anno dopo tirammo tutti un sospiro di sollievo).
Seguite il dibattito e se vi va dite la vostra (nei commenti o contattandomi sulla pagina Facebook per farmi avere un testo o, meglio ancora, un video). Continua a leggere “Non si placa il dibattito su “High Hopes”: 3) la replica di Maurizio Montanari”

Ancora due parole su “High Hopes” di Bruce Springsteen: 2) la mia videorecensione

[Tutte le recensioni di High Hopes su Tarantula]
Dopo la critica puntuale di Maurizio Montarari sugli aspetti di “High Hopes” che gli sono piaciuti meno, ci torno su anch’io. I suoi dubbi sono i miei, o forse dovrei dire sono stati: perché ho il sospetto che stavolta si debba ascoltare questo album con un approccio un po’ diverso dal solito.
O forse la mia è solo eccessiva benevolenza nei confronti del Boss; forse in questo momento sono abbastanza ben disposto nei suoi confronti da tendere a perdonarlo di quasi tutto: però ammettetelo, un suo disco così così farebbe la fortuna di mille altri cantanti. E il punto non è se questo sia un disco bello o brutto: il punto è che posto abbia in una storia iniziata quarant’anni fa.
Altre voci stanno per aggregarsi, e se qualcun altro volesse dire la propria mi contatti su Facebook.
La foto di Bruce con Tom Morello viene da Rollingstone.com. Continua a leggere “Ancora due parole su “High Hopes” di Bruce Springsteen: 2) la mia videorecensione”

Due parole su “High Hopes” di Bruce Springsteen: 1) Maurizio Montanari (video)

[Tutte le recensioni di High Hopes su Tarantula]
Il collega e amico virtuale Maurizio Montanari ha pubblicato su Facebook una sua videorecensione in anteprima dell’album di Bruce Springsteen “High Hopes”, del quale circolano i due singoli (il brano omonimo e “Dream Baby Dream”) in attesa dell’uscita ufficiale (il 14 gennaio).
La critica di Maurizio parte da una domanda che probabilmente si è posta la maggior parte di quelli che hanno un legame con la storia musicale di Springsteen e che l’hanno visto negli ultimi due anni negli stadi di mezzo mondo, lontano dallo studio di registrazione: aveva senso pubblicare questo lavoro adesso, al volo, assemblando materiale per lo più d’epoca subito dopo il termine del lunghissimo e trionfale tour di Wrecking Ball e riservando questo trattamento ad alcuni brani storici? Continua a leggere “Due parole su “High Hopes” di Bruce Springsteen: 1) Maurizio Montanari (video)”