Ma si ascoltano mentre parlano?

Forse ho cercato male, ma finora non ho trovato da nessuna parte la notizia che qualcuno, davanti all’affermazione “sul tale quesito referendario, il partito X lascia ai suoi elettori libertà di coscienza“, sia morto dalle risate o si sia alzato per domandare “cortesemente, di che c**** state parlando?”.
Chi parla male forse pensa male e vive male, ma è in gran parte un problema suo. Un problema che invece può essere di interesse più generale è che chi parla male finisce prima o poi per credere a quello che dice. Continua a leggere “Ma si ascoltano mentre parlano?”