Anna Pacifica Colasacco: L’Aquila, il racconto oltre la sentenza

Immagino non sia più necessario spiegarvi chi è Anna. Vi ho detto altrove di come è stata una delle voci più importanti nel racconto del terremoto e dell’occupazione della Protezione Civile, al di là dei trionfalismi, della disinformazione e della incomprensione dei media.
Lo scorso 30 maggio ha partecipato al convegno “L’Aquila, il racconto oltre la sentenza” all’Univeristà Bicocca di Milano: un incontro voluto fortemente da Ranieri Salvadorini per fare il punto dopo la confusione intorno alla sentenza del processo alla Commissione Grandi Rischi.
Gli aquilani furono tranquillizzati nelle ore precedenti la tragedia? Anna ha raccontato la storia vista dalla parte di chi, quella notte, aveva scelto di dormire in casa…
Questa è la sua relazione. (La foto in apertura viene da qui) Continua a leggere “Anna Pacifica Colasacco: L’Aquila, il racconto oltre la sentenza”

“A L’Aquila Galileo sarebbe stato con l’accusa”

 alt=Del processo dell’Aquila alla Commissione Grandi Rischi avevo scritto all’indomani della sentenza; di Ranieri Salvadorini vi ho parlato l’altro ieri, a proposito del suo articolo su Mente & Cervello a proposito delle conseguenze psicologiche del terremoto, della disgregazione del territorio e della diaspora.
Così oggi vi segnalo da Repubblica.it questa intervista di Ranieri ad Antonello Ciccozzi, antropologo dell’Università dell’Aquila e consulente del magistrati in quel processo. Continua a leggere ““A L’Aquila Galileo sarebbe stato con l’accusa””

Twitterremoto (da Bresciaoggi)

Twitter-954x1024Lunedì scorso, 4 febbraio, ho pubblicato nella mia rubrica su Bresciaoggi quest’articolo. Erano i giorni delle scosse in Garfagnana, dell’allarme via Twitter e delle polemiche conseguenti.

Twitter sempre più al centro delle discussioni: prima a proposito dell’account di Benedetto XVI, poi di quello – invero ingessato e un po’ glaciale – di Mario Monti.
Continua a leggere “Twitterremoto (da Bresciaoggi)”

Processo Grandi Rischi: un paio di cose da leggere

processo-commissione-grandi-rischi

Scrissi anch’io il 23 ottobre scorso della sentenza del processo alla Commissione Grandi Rischi.
Il 18 di questo mese, con due giorni di anticipo sull’attesa, il giudice Billi ha depositato le 940 pagine della sentenza con le sue motivazioni (se mi sono perso qualcosa, segnalatemelo e ne sarò contento: ma al momento registro che né Sergio Rizzo, né Beppe Severgnini, né Mario Calabresi, né Mario Tozzi, che in quelle ore scrissero a vanvera di scienziati condannati per non aver previsto il terremoto, hanno pensato di tornarci su). Continua a leggere “Processo Grandi Rischi: un paio di cose da leggere”

Da Bresciaoggi: informazione a chilometri zero

Questo articolo è uscito lunedì 29 ottobre su Bresciaoggi nella mia rubrica “Linguaggi della rete”.
L’uomo della foto a sinistra, presa a prestito qui, è Sergio Rizzo del Corriere, che ha scritto questo da cui è nato questo.
Continua a leggere “Da Bresciaoggi: informazione a chilometri zero”

La scienza, l’irrazionalità e il processo dell’Aquila

Huffington Post, pomeriggio di lunedì 22.

Pare che ci sia cascato persino Sergio Rizzo, che sul Corriere di oggi parla di scienziati condannati per non aver “previsto il terremoto”.
È una vicenda difficile da comprendere, quella del processo aquilano ai vertici della Commissione Grandi Rischi. Se poi ci si mette anche l’informazione a confondere le idee, è ancora più difficile. Continua a leggere “La scienza, l’irrazionalità e il processo dell’Aquila”

Terremoti e unità d’Italia (su Bresciaoggi)

La scorsa settimana nel bresciano un allarme insensato propagato su Facebook fra due robuste scosse di terremoto ha procurato qualche ora di delirio e un’inchiesta della Procura. Le stesse autorità che a L’Aquila si lasciarono andare a dichiarazioni troppo rassicuranti tre anni fa (c’è in corso un processo alla Commissione Grandi Rischi e una indagine a carico di Guido Bertolaso), nelle scorse settimane dopo le scosse a nord hanno detto cose tipo “oh sì, certo che il pericolo di scosse anche di sei gradi è reale”. L’impressione, insomma, è di una grande confusione nella quale ognuno dice la prima cosa che gli viene in mente.
Passa il tempo, passano i terremoti e il paese scosso da nord a sud Continua a leggere “Terremoti e unità d’Italia (su Bresciaoggi)”