Todo cambia / 6: “I feel good”

mcferrin[Tutti i post della serie “todo cambia”]

E se spegni gli amplificatori di chitarre e bassi, cosa resta?
Se togli la batteria e le percussioni?
Se stacchi la corrente?
E se prendi i fiatisti e gli tiri via trombe, tromboni e sassofoni?
Resta il corpo. Restano polmoni e corde vocali, restano le mani che tengono il tempo.
Continua a leggere “Todo cambia / 6: “I feel good””

“Sono il mio Walkman!”

Continuando a tirare fuori dall’archivio le recensioni di “dischi del passato” (secondo lo spirito della rivista) che scrivevo per “Late For The Sky”, sul numero 42 del 1999 parlai di questo impressionante disco di quindici anni prima, da un maestro della voce e sperimentatore, Bobby McFerrin.
Scrivere per “Late For The Sky” era un bel modo di guardare la storia (della musica) all’indietro (all’uscita di questo disco spericolato, non potevamo sapere che qualche anno dopo Mc Ferrin sarebbe diventato famoso con un singolo di gran successo radiofonico).
Vi ripropongo l’articolo riveduto, corretto e corredato di un paio di video d’epoca. Buona lettura e buon ascolto. Continua a leggere ““Sono il mio Walkman!””