Dicono di “Il primo terremoto” (4): le recensioni su Amazon

Scrive Laura Vernaschi:

La narrazione è avvincente e viaggia su due binari: quello del racconto del terremoto dell’Aquila attraverso le testimonianze dirette di chi ha utilizzato la rete e la creatività per affrontare il proprio dramma, e la metacomunicazione sul racconto stesso e l’effetto farfalla operato dalla rete. Un libro insolito, curioso, irriverente ed avvincente. E’ un’opera che apre molte finestre, che attiva molti link di riflessione, che porta dentro le emozioni, ma anche molto più lontano, nell’universo infinito di internet. Il lettore è continuamente portato ad aprire la propria mente, ad uscire dal pensiero comune e lineare. Per questo motivo è un libro difficile da intrappolare in una recensione. Vivamente consigliato a tutti.

Da Bresciaoggi: dove va l’ebook? E quando torna?

Questo è uscito su Bresciaoggi il 25 giugno scorso, sempre per la mia rubrica “Linguaggi della rete”, mentre era ancora viva l’eco di questa vicenda.
I libri, gli ebook, gli autori, gli editori, l’odore della carta. I numeri che arrivano da mercati più grandi del nostro dicono cose interessanti…

*********

Mentre i giganti dell’editoria digitale degli Stati Uniti se le danno di santa ragione, fra accuse di cartello e di concorrenza sleale, è il momento di qualche considerazione su un universo che sembra sempre più rilevante anche dal punto di vista dei numeri oltre che da quello dell’impatto sulla circolazione delle idee. Continua a leggere “Da Bresciaoggi: dove va l’ebook? E quando torna?”