“Il problema degli stereotipi non è che non siano veritieri, ma che sono incompleti”: la scrittrice nigeriana Chimamanda Adichie tenne nel 2009 una relazione dal titolo “I pericoli di una storia unica” alle TED Conference. Raccontò della propria esperienza di bambina cresciuta nella propria cultura e poi giovane donna africana a contatto col mondo anglosassone, e delle conseguenze del fatto che su un popolo si racconti, di solito, una storia standard: non falsa, ma semplicemente parziale.
Le sue parole mi ha fatto tornare in mente, per associazione, un video realizzato nel 2012 da un gruppo di musicisti africani: una campagna umanitaria inventata, Radi-Aid (“Africa for Norway”), che aveva lo scopo di raccogliere caloriferi per i norvegesi in vista del vicino, gelido, Natale. Giocavano in maniera geniale coi modi e i linguaggi di altre iniziative, per inventare una nuova storia in cui erano soggetto, e non più oggetto.
Ecco i due video, ve li consiglio caldamente.


Annunci

4 thoughts on “Contro gli stereotipi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...