Forse ho cercato male, ma finora non ho trovato da nessuna parte la notizia che qualcuno, davanti all’affermazione “sul tale quesito referendario, il partito X lascia ai suoi elettori libertà di coscienza“, sia morto dalle risate o si sia alzato per domandare “cortesemente, di che c**** state parlando?”.
Chi parla male forse pensa male e vive male, ma è in gran parte un problema suo. Un problema che invece può essere di interesse più generale è che chi parla male finisce prima o poi per credere a quello che dice.
Dunque: il partito “lascia ai suoi elettori libertà di coscienza” (variazione: “lascia i suoi elettori liberi di votare secondo coscienza”).
Significa che la libertà di coscienza è una gentile concessione del partito ai suoi elettori: quando decidi di votare per un partito (che è un passaggio necessario ad essere definito un suo “elettore”), da qualche parte deve esserci una di quelle clausole scritte in caratteri microscopici che dice che gli affidi la tua coscienza e ti vincoli a seguirne le indicazioni. Non può essere diversamente, se al giro successivo il partito trova ragionevole prescriverti cosa fare della tua coscienza.
Questo si capisce da quella affermazione. Tu li voti, la tua coscienza si impegna a interpretarne la volontà.
Io avevo capito che era il contrario.

Annunci

2 thoughts on “Ma si ascoltano mentre parlano?

  1. Facevo un’analoga riflessione ieri quando sentivo una di loro dire che non andrà a votare, ma lascia libertà di coscienza agli elettori, poichè a suo dire loro rispettano la volontà degli elettori (bontà loro…). Tutto questo mentre ragionava indirettamente sulle ragioni del NO.
    Credo che quest’atteggiamento rifletta il loro modo di considerare la democrazia parlamentare, un luogo dove chi viene messo li (perché con questa legge elettorale non si può dire eletto) deve fare la volontà di chi ce l’ha messo.
    In questo caso ci fanno la gentile concessione di lasciare la nostra coscienza libera e poi dicono la bugia più grande, rispetteranno la volontà degli elettori (basti pensare a cosa avevano fatto quando hanno perso le ultime elezioni politiche…)
    GB

  2. Eh, Greg, proprio in tempi di porcellum sarebbe bello trattar bene queste occasioni.
    La mia coscienza è libera se sono informato, non se glielo concede Lusetti (per dire, l’ultimo che ho visto in tv). Ma purtroppo, secondo me, il meccanismo del quorum rende più conveniente tacere anziché fare campagna, e questo ci ha privato del dibattito su questi temi, che sarebbe stato sacrosanto, referendum a parte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...