Scrivo questa lettera ai ragazzi, molti sono miei coetanei, che stanno occupando le università, che stanno manifestando nelle strade d’Italia. Alle persone che hanno in questi giorni fatto cortei pieni di vita, pacifici, democratici, pieni di vita. Mi si dirà: e la rabbia dove la metti? La rabbia di tutti i giorni dei precari, la rabbia di chi non arriva a fine mese e aspetta da vent’anni che qualcosa nella propria vita cambi, la rabbia di chi non vede un futuro. Beh quella rabbia, quella vera, è una caldaia piena che ti fa andare avanti, che ti tiene desto, che non ti fa fare stupidaggini ma ti spinge a fare cose serie, scelte importanti. Quei cinquanta o cento imbecilli che si sono tirati indietro altrettanti ingenui sfogando su un camioncino o con una sassaiola la loro rabbia, disperdono questa carica. La riducono a un calcio, al gioco per alcuni divertente di poter distruggere la città coperti da una sciarpa che li rende irriconoscibili e piagnucolando quando vengono fermati, implorando di chiamare a casa la madre e chiedendo subito scusa.
Così inizia la nuova strategia della tensione, che è sempre la stessa: com’è possibile non riconoscerla? Com’è possibile non riconoscerne le premesse, sempre uguali? Quegli incappucciati sono i primi nemici da isolare. Il “blocco nero” o come diavolo vengono chiamati questi ultrà del caos è il pompiere del movimento. Calzano il passamontagna, si sentono tanto il Subcomandante Marcos, terrorizzano gli altri studenti, che in piazza Venezia urlavano di smetterla, di fermarsi, e trasformano in uno scontro tra manganelli quello che invece è uno scontro tra idee, forze sociali, progetti le cui scintille non devono incendiare macchine ma coscienze, molto più pericolose di una torre di fumo che un estintore spegne in qualche secondo.
(…) Noi, e mi ci metto anche io fosse solo per età e per – Dio solo sa la voglia di poter tornare a manifestare un giorno contro tutto quello che sta accadendo – abbiamo i nostri corpi, le nostre parole, i colori, le bandiere. Nuove: non i vecchi slogan, non i soliti camion con i vecchi militanti che urlano vecchi slogan, vecchie canzoni, vecchie direttive che ancora chiamano “parole d’ordine”. Questa era la storia sconfitta degli autonomi, una storia passata per fortuna. Non bisogna più cadere in trappola. Bisognerà organizzarsi, allontanare i violenti. Bisognerebbe smettere di indossare caschi. La testa serve per pensare, non per fare l’ariete. I book block mi sembrano una risposta meravigliosa a chi in tuta nera si dice anarchico senza sapere cos’è l’anarchismo neanche lontanamente. Non copritevi, lasciatelo fare agli altri: sfilate con la luce in faccia e la schiena dritta. Si nasconde chi ha vergogna di quello che sta facendo, chi non è in grado di vedere il proprio futuro e non difende il proprio diritto allo studio, alla ricerca, al lavoro. Ma chi manifesta non si vergogna e non si nasconde, anzi fa l’esatto contrario. E se le camionette bloccano la strada prima del Parlamento? Ci si ferma lì, perché le parole stanno arrivando in tutto il mondo, perché si manifesta per mostrare al Paese, a chi magari è a casa, ai balconi, dietro le persiane che ci sono diritti da difendere, che c’è chi li difende anche per loro, che c’è chi garantisce che tutto si svolgerà in maniera civile, pacifica e democratica perché è questa l’Italia che si vuole costruire, perché è per questo che si sta manifestando. Non certo lanciare un uovo sulla porta del Parlamento muta le cose.
Tutto questo è molto più che bruciare una camionetta. Accende luci, luci su tutte le ombre di questo paese. Questa è l’unica battaglia che non possiamo perdere.

(Estratto dalla lettera di Roberto Saviano ai ragazzi del movimento, su La Repubblica, 16 dicembre 2010)

La questione della violenza e’ molto complessa. La nostra cultura ci porta a pensare che sia un buon sistema per affrontare i problemi. Una bella sberla puo’ raddrizzare un figlio disubbidiente. Una bella rivoluzione armata puo’ portare a una societa’ giusta. Io non credo che la violenza possa portare qualche cosa di buono, anche se riconosco il diritto alla legittima difesa (che in quanto legittima difesa deve cessare non appena la minaccia lampante non e’ piu’ presente).
D’altra parte e’ evidente che esiste un problema di sordita’ del potere e di censura dei media, e che la violenza resta sempre un modo efficace per attirare l’attenzione. Ma bloccare il traffico, sfondare vetrine e danneggiare auto sono azioni che gettano discredito sul movimento e danno al potere scuse per picchiare piu’ duro. Ci conviene? Cosa pensiamo sia ottenibile?
Sicuramente ci sono azioni di piazza che funzionano perche’ contengono elementi di sensazionalismo e stupore, come salire pacificamente sopra la torre di Pisa o occupare i tetti delle universita’. E probabilmente la creativita’ popolare potra’ inventare altre forme di lotta dura, spettacolare e pacifica. Se non danneggi nessuno e ottieni il massimo della visibilita’ hai vinto due volte. Se poi l’obiettivo e’ mettere in difficolta’ la Casta Furbastra che ci malgoverna, ci sono altri metodi molto potenti che per giunta non hanno controindicazioni rispetto all’opinione pubblica, anzi, ottengono l’effetto di rendere simpatico e affascinante il movimento ribelle.
(…) Se gli studenti e i precari vogliono rispondere colpo su colpo all’imbarbarimento del sistema scolastico e della ricerca possono, ad esempio, iniziare a dare un’occhiata affilata ai bilanci delle universita’, sono sicuro che basta leggerli per scoprire un po’ di magagne. Soprattutto nelle facolta’ dove il rettore assume il figlio, la nuora, la zia e la cugina. Figuratevi se un tipo simile non fa anche la cresta sul riscaldamento e i rimborsi spese…
Oggi rendere semplicemente visibile l’intrallazzo e poi denunciare il tutto alla magistratura e’ una sperimentata arma di guerra. Laddove i compagni hanno reso trasparente la casa del potere hanno inferto un duro colpo al sistema. E’ una tattica che sta funzionando per molti gruppi locali di difesa del territorio che la stanno usando come clava.
(…) Immaginate se mille studenti dedicassero qualche giorno di lavoro a spulciare i bilanci delle facolta’, dei licei, dei centri di ricerca, verificare la congruita’ legale dei concorsi… Immaginate se gli studenti entrassero nel merito dei bilanci pretendendo che si smetta di buttare ogni anno dalla finestra centinaia di milioni di euro perche’ scuole e universita’ sono sprovviste del piu’ elementare isolamento termico e tutto e’ improntato allo spreco. Immaginate se i ricercatori precari si mettessero a verificare quanto sono state pagate le attrezzature per la ricerca. Tutte informazione che si possono ottenere abbastanza facilmente…

(Estratto da “Fan più danni i black bloc o Assange?” di Jacopo Fo, 23 dicembre 2010)

Annunci

4 thoughts on “Trova le differenze

  1. Vero, dicono cose simili e condivisibili. Per di più ho selezionato passaggi analoghi: dove entrambi dicono la loro sull’uso della forza e riflettono sulle alternative.
    Proprio per la somiglianza degli argomenti mi ha colpito la differenza nello stile e nel linguaggio: mi sono domandato se il fatto che l’articolo di Saviano non abbia avuto, diciamo, tanta fortuna presso gli studenti del movimento, sia legato a questo.
    Fo è ironico e pragmatico; Saviano sembra spingere il pedale della retorica e a tratti finisce per essere addirittura pedagogico (“Bisognerebbe smettere di indossare caschi. La testa serve per pensare”; “Si nasconde chi ha vergogna di quello che sta facendo”).
    Insomma: Fo propone cose da fare, Saviano (dopo aver esordito presentandosi come un coetaneo degli studenti!) dice cosa non si fa. Dal punto di vista della comunicazione mi pare una differenza importante e, forse, un’ingenuità da parte di Roberto Saviano.

  2. Vero…
    Anch’io avevo notato una leggera retorica in Saviano, ma avevo puntato sul positivo. E’ vero, in ogni caso, che Fo è decisamente più propositivo.
    E’ vero che il discorso di Saviano era strutturalmente più teorico in partenza. L’integrazione dei due dà comunque una buona combinazione di strumenti da poter utilizzare, secondo me.

  3. Peccato che il messaggio di Fo abbia meno potere di penetrazione…
    Shamal, visto che nel post si fa riferimento ad Assange, approfitto per segnalare a chi passa di qui un post del tuo blog che aiuta a capire Wikileaks.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...