Siamo tutti terremotati. Clara Sereni dopo L’Aquila

Qualche giorno dopo il convegno aquilano “Dopo la caduta” – un’occasione per raccogliere le idee sul futuro e sulla ricostruzione, non solo delle case ma anche della comunità – Clara Sereni, scrittrice e una delle voci del convegno, ha scritto per L’Unità l’articolo che potete leggere nella finestra poco più giù (potete ingrandirlo, scorrerlo, sfogliarlo o scaricarlo in pdf).
Da più di un anno dico che il problema dell’Aquila non è solo problema degli aquilani: è un problema che riguarda tutti i cittadini di questo Paese. Certamente per l’ingente perdita di parte del patrimonio artistico di tutti e per il pericolo in cui versa un’altra parte, ma anche perché se si guarda quello che succede lì, si capisce quel che succede in Italia: la considerazione in cui sono tenuti l’arte, la cultura, il lavoro, il sociale, e l’uso che si fa dell’informazione.
Dal canto suo Clara Sereni sostiene che proprio perché L’Aquila è il paradigma dell’Italia, gli aquilani non possono non guardare alla loro situazione come parte di un problema più grande.
Vi riporto qui il suo articolo perché è un invito a pensare globale e locale insieme; perché Clara, che è fra le altre cose presidente della Fondazione La Città del Sole di Perugia, alla quale si dedica da anni con Stefano Rulli, trae la propria riflessione sul mondo anche dal lavoro quotidiano nel campo della salute mentale; perché, infine, cita un passaggio della mia relazione, in cui riconoscerete uno sviluppo di pensieri nati qui sul blog nelle settimane recenti.

Clara Sereni, L’Unità 10-06-2010, sul convegno “Dopo la caduta” (L’Aquila)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...