Le avventure di Guidoberto La Sola / 1: Guidoberto chirurgo

guidoberto chirurgo

Qui comincia un fatto certo
del valente Guidoberto.
Ora a L’Aquila è dottore,
cuce e taglia con amore.

Va da lui con apprensione
ansimando il buon Carlone:
“Malandato è già il mio cuore!
Deh, mi salvi! Ho poche ore!”

Fiero, allora, Guidoberto
con il piglio dell’esperto
predisponesi al trapianto
con i ferri e tutto quanto.

Dopo lunga operazione
si risveglia alfin Carlone:
“Questa storia non mi piace:
cos’ho qui, sopra al torace?”

“Tuoni, fulmini e saette,
installate mi hai due tette!
Ti trasformo in puntaspilli!
Sembro quasi la Ferilli…”

“Perché pensa a un muscoletto
che ha nascosto dentro al petto?
Tutti godon di tal vista!
Su, non faccia il comunista…”

“Mi hai convinto!” fa, piangente,
il popputo suo paziente.
“Come ho fatto a dubitare
dell’onesto tuo operare?”

Un milione al salvatore
dona allor di tutto cuore.
“Riparai così al mio torto?”
E, ciò detto, casca morto.

[clicca per la serie completa di “Le avventure di Guidoberto La Sola”]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...